Atmosfere particolari

Atmosfere particolari

Angoli suggestivi, piccole abitazioni tranquille, stradine silenziose: c’è una Milano romantica e poco conosciuta che sa affascinare chi desidera ritagliarsi qualche ora di svago, passeggiando con calma così vicino, e insieme così lontano, dal caos metropolitano. Per gli amanti della quiete, del verde e del profumo d’altri tempi, questi quartieri originali e poetici, molto diversi dall’immagine stereotipata della città postmoderna, frenetica e aggressiva, offrono panorami e colori inaspettati. Sono trame suggestive di vie e vicoli pavimentati di ciottoli, artistiche cancellate e muri coperti da piante rampicanti, giardini, ville e casette, spesso unifamiliari, differenti le une dalle altre per tipologia, epoca di edificazione ed estrazione sociale dei residenti. La sensazione è di trovarsi, di volta in volta, in tante diverse città. Piazza del Carmine, una delle più scenografiche di Milano, il cuore della zona di Brera, ricca di tradizioni culturali e artistiche, i caratteristici quartieri residenziali della zona di Città Studi, sede tra l’altro del prestigioso Politecnico, l’università che forma ingegneri, architetti e disegnatori industriali. Da qui si raggiungono il cosiddetto Villaggio dei giornalisti di via Maggiolina e l’area più verde di residenza popolare, vicina alla quattrocentesca Villa Mirabello. Fondata dalla nobile famiglia Portinari e a lungo adibita ad azienda rurale, è un affascinante esempio di architettura lombarda, con i suoi muri in mattoni rossi, gli alti comignoli e le finestre a ogiva. Nelle piccole vie adiacenti a Villa Mirabello si possono ancora trovare numerose villette con giardino in stile eclettico, tardo Liberty e Decò.